di Luigi Ippolito, corrispondente da Londra

18 novembre 2019

Tassa sulla sanità per gli europei dopo la Brexit: una stangata di oltre settecento euro che si abbatterà sui cittadini comunitari a partire dal gennaio 2021, cioè quando sarà concluso il periodo di transizione che farà seguito all’uscita di Londra dalla Ue, prevista per il prossimo 31 gennaio.

È la misura principale contenuta nel pacchetto sull’immigrazione reso pubblico oggi dal governo, il cui obiettivo è quello di equiparare gli immigrati europei a quelli extra-Ue dopo la Brexit. Attualmente in Gran Bretagna i cittadini comunitari hanno diritto alle cure mediche gratuite, fornite dal Sevizio sanitario britannico, mentre gli extra-comunitari devono pagare una tassa di 400 sterline. A partire da 2021, invece, tutti saranno soggetti al pagamento di 625 sterline (circa 720 euro, al cambio attuale), indipendentemente dalla provenienza geografica: solo così si potrà accedere alle cure mediche.

Il governo britannico ne fa una questione di equità: «Rendere più giusto l’accesso al servizio sanitario fa parte di un più giusto sistema di immigrazione in generale – ha spiegato il ministro Michael Gove -. Non è corretto che gente dalla Bulgaria o dalla Slovenia possa venire qui e avere automaticamente dei diritti che non hanno quelli che provengono dal Bangladesh o da Singapore». Ma d’altra parte in questo modo gli europei perderanno un diritto che era stato loro garantito da decenni (la misura riguarda solo i nuovi arrivi, chi già si trova in Gran Bretagna prima della Brexit continuerà ad avere la sanità gratuita).

Stretta anche sugli arrivi in generale: dopo la Brexit entrerà in vigore un sistema di controllo dell’immigrazione «a punti» che privilegerà i lavoratori qualificati. E non ci si potrà trasferire in Gran Bretagna senza avere già una offerta di lavoro in tasca (unica eccezione gli scienziati e gli imprenditori che vogliono avviare un’azienda). Dunque si bloccherà il flusso di migliaia di giovani italiani che ogni anno sbarcano a Londra in cerca di opportunità (e in ogni caso guai ad ammalarsi, si rischia il salasso finanziario).

FONTE: CORRIERE DELLA SERA